Chiamateci adesso
(877) 892-9247

or

Chiamateci adesso
(877) 892-9247

or
OTTIENI ALTRE INFO

Marzo 2018 13 - L'OTTAVA E NONA CHAKRA

Alcune comunità spirituali riconoscono sette chakra. Il mio primo mentore, don Antonio, me lo ha insegnato abbiamo nove chakra. Sette all'interno del corpo fisico e due all'esterno del corpo.

Il progetto ottavo chakra, situato a pochi centimetri sopra le nostre teste, è dove sperimentiamo una profonda unione con tutta la Creazione e il Creatore. Don Antonio lo ha chiamato il Wiracocha, o "fonte del sacro". Corrisponde al concetto cristiano di anima, che è personale e finito.

L'ottavo chakra risiede nel Campo di energia luminosa e si libra sopra la testa come un sole dorato che ruota. Spesso vediamo questo chakra illustrato nei dipinti come la luce (alone) che circonda Cristo, il Buddha o altre figure religiose.

Le proprietà dell'ottavo chakra sono:

elemento: Anima
Colore: Oro
Aspetti corporei: Architetto del corpo
istinto: Trascendenza
Aspetti psicologici: Nessuno
Ghiandola: Nessuno
Semi: Senza tempo
Espressione negativa: Modelli di malattia, orrore cosmico

L'ottavo chakra non è influenzato dalla morte del corpo. È come un falegname che costruisce una sedia e in seguito la brucia nel suo camino: il falegname non sente alcuna perdita, poiché sa che può semplicemente costruirne un'altra con legno nuovo. I campi di informazioni nell'ottavo chakra fungono da modello per creare il corpo fisico. Sulle sue pareti sono impresse le impronte del trauma che portiamo con noi da una vita all'altra e che aiutano a selezionare i genitori attraverso i quali siamo nati. Queste impronte ci predispongono a vivere, apprendere, invecchiare e morire in modi particolari e sono rispecchiate dalle impronte nel nostro campo di energia luminosa.

Al momento della morte, l'ottavo chakra si espande in un globo luminoso e avvolge gli altri sette chakra in una nave di luce, che rimane intatta fino al momento di fabbricare e occupare un altro corpo. Questo centro energetico è collegato al dominio archetipo, alle immagini e ai ricordi originali che appartengono al collettivo umano.

Quelli il cui ottavo chakra è intasato possono sentirsi solo parzialmente nei loro corpi: dissociati e disconnessi da tutti. È un orrore cosmico come quello vissuto da coloro che sono presi tra i mondi dello spirito e della materia. Nella dimensione spirituale, questo è il purgatorio, ciò che i buddisti chiamano i piani del bardo. Entità disincarnate che si aggrappano a persone o luoghi sulla Terra sono intrappolate in questo dominio. Anche le persone che subiscono un risveglio spontaneo ma sbilanciato di questo centro possono rimanere bloccate in questo regno. Molti sono nelle istituzioni mentali; altri soffrono da soli nelle loro case. Altri ancora si uniscono a bizzarri culti pseudo-mistici.

L'attributo dell'ottavo chakra è l'invisibilità. In questo centro diventiamo consapevoli dell'osservatore (noto nel Buddhismo come il Testimone), un sé presente fin dall'inizio del nostro viaggio spirituale. Ora disimpegnato dalla mente, è in grado di vedere la mente con tutti i suoi drammi senza abbonarsi a loro. L'osservatore vede la nostra vita svolgersi e capisce tutto questo le storie che usiamo per descriverci sono solo storie. Tutto ciò che pensiamo di sapere di noi stessi non è il vero sé.

L'osservatore sa che tutto ciò che può essere visto o tenuto non è reale. L'osservatore si aggrappa al mistero e non alla manifestazione. L'osservatore percepisce tutto ma non può essere percepito da solo, perché non può essere trasformato in un oggetto di percezione. Beholder è invisibile perché non può essere visto. Otteniamo l'invisibilità eliminando i progetti "me" e attraverso la pratica dell'immobilità.

La fonte dell'ottavo chakra è il nono chakra, che esiste al di fuori del campo di energia luminosa e si estende in tutto il cosmo, oltre il tempo e lo spazio che è sempre cristallino e puro. Qui è dove possiamo sperimentare la magnifica distesa della creazione.

Questo chakra è associato lo stato percettivo dell'aquila. Le proprietà del nono chakra sono:

elemento: Spirito
Colore: Luce bianca traslucida
Aspetti corporei: Nessuno
istinto: Liberazione
Aspetti psicologici: Nessuno
Ghiandola: Nessuno
Semi: Infinito
Espressione negativa: Nessuna

Il mio mentore credeva che l'ottavo chakra è dove Dio dimora in noi e che il nono chakra è dove risiediamo nel Creatore. Per raggiungere quest'area, saliamo sul filo d'argento di luce che sale dall'ottavo chakra. C'è solo un nono chakra, perché c'è solo uno di noi nello Spirito.

.



Translate »