Chiamateci adesso
(877) 892-9247

or

Chiamateci adesso
(877) 892-9247

or
OTTIENI ALTRE INFO

Agosto 2019 13 —POPO, CEKES e RIVERS OF LIGHT

Il campo di energia luminosa (vedi la scorsa settimana blog) ha la forma di una ciambella (nota in geometria come un toro) con un asse stretto o tunnel, inferiore a una molecola spessa al centro. In lingua Inka è noto come popo, o bolla luminosa. Le persone che hanno avuto esperienze di pre-morte riferiscono di aver attraversato questo tunnel nel loro viaggio di ritorno alla luce. Il campo di energia umano è uno specchio del campo magnetico terrestre, che fuoriesce dal Polo Nord e circumnaviga il pianeta per rientrare attraverso il Polo Sud. Allo stesso modo, le linee di flusso, o cekes, del campo di energia luminosa (LEF) viaggia fuori dalla sommità della testa e scorre attorno al corpo luminoso, formando un grande ovale della larghezza delle braccia distese. Il nostro campo di energia penetra nella terra di circa 12 pollici, quindi rientra nel corpo attraverso i piedi.

Sebbene la forza della tenuta magnetica della Terra diminuisca molto rapidamente quanto più viaggia dal pianeta, in realtà non raggiunge mai lo zero. Si estende per centinaia di miglia nello spazio prima di diminuire in forza e viaggia alla velocità della luce - circa 186,000 miglia al secondo - fino al bordo dell'Universo. Il campo di energia umano sembra estendersi solo pochi piedi oltre il corpo poiché, come il campo magnetico terrestre, diminuisce di intensità molto rapidamente. Eppure viaggia anche alla velocità della luce, collegandoci alla matrice luminosa dell'intero Universo, noto agli Inka come texemuyo o web onnipervadente.

Le linee di flusso che corrono lungo la superficie del pianeta sono simili ai meridiani di agopuntura, che collegano i principali chakra della Terra. I meridiani della Terra attraversano il globo, trasportando energia e informazioni da una parte del pianeta a un'altra. Gli sciamani affermano di poter comunicare tra loro attraverso la matrice luminosa formata dalle linee di flusso della Terra. La persona di medicina è in grado di percepire e talvolta vede la griglia luminosa dell'Universo estendersi oltre la Terra nelle galassie stesse.

Molte persone nella nostra società tecnologica sono disconnesse dalla matrice dell'Universo. Trovo spesso che le persone che vengono a trovarmi con sintomi di affaticamento cronico si siano completamente dissociate dal mondo naturale. Non vanno a fare passeggiate nei boschi, a piantare pomodori nei loro giardini, o addirittura a smettere di annusare i fiori. Questo non vuol dire che camminare nella foresta curerà la sindrome da stanchezza cronica, che è una condizione medica complessa. Eppure le persone che soffrono di questa condizione richiedono una riconnessione vitale alla rete naturale come parte della loro guarigione.

Come cekes che corrono lungo il corpo della Terra, i meridiani di agopuntura corrono lungo la superficie della pelle, collegando i punti di agopuntura (che sono essenzialmente dei chakra molto piccoli) tra loro. Questi meridiani energetici sono analoghi al sistema circolatorio all'interno del corpo. Sono le vene e le arterie del LEF. La gente di medicina delle Americhe conosce i meridiani come ríos de luz, fiumi di luce che scorrono all'interno del corpo luminoso. Gli sciamani in tutte le Americhe si affidano alla loro capacità di percepire il regno energetico. Per loro, i fiumi di luce nel corpo sono affluenti che confluiscono e attingono la loro sostanza dai grandi fiumi luminosi che scorrono lungo la superficie della Terra. Rilevando dove l'energia è bloccata e dove scorre vigorosamente, sono in grado di diagnosticare la salute o la malattia.

Quasi venti anni fa, mentre visitavo la città di Cusco, la capitale dell'Impero Inka, ho avuto l'opportunità di osservare un guaritore di nome Maximo mentre prestava servizio a una donna indiana. La vecchia soffriva di asma ed era assalita da tosse che si adattava anche al minimo sforzo, come salire una rampa di scale. Dopo i soliti saluti e presentazioni, Maximo chiese alla donna di sedersi e sbottonarsi la camicetta. Le girò in cerchio dietro la schiena, dove iniziò a tracciare con l'indice una linea invisibile su un lato della sua spina dorsale. Si fermava, spingeva la punta del dito profondamente nella sua carne e le ordinava di rilassarsi. Il guaritore continuò a tracciare delle linee lungo la schiena, esercitando pressione in vari punti mentre la donna sussultava per il dolore.

Maximo aveva stimolato i punti esatti utilizzati dall'agopuntura per il trattamento dell'asma. Successivamente, ho espresso il mio stupore e la risposta del guaritore mi ha stupito ancora di più. Affermò di non aver mai sentito parlare di agopuntura o di tali punti. Spiegò che aveva imparato questa tecnica da sua nonna, che gli aveva insegnato a vedere i fiumi di luce lungo la superficie della pelle e a massaggiare i punti in cui erano bloccati in modo che la luce potesse fluire di nuovo liberamente. Mentre il suo ultimo paziente per la giornata stava per partire, ho chiesto a Maximo se poteva descrivere questi fiumi di luce in modo da poterli comprendere meglio. Lui sorrise, mi chiese di spogliarmi sui miei pantaloncini e con un rossetto rosso brillante appartenente ad Anita, sua moglie, continuò a disegnare i fiumi di luce sul mio corpo.

Ero in piedi sul tavolo della sala da pranzo mentre Maximo mi fotografava quando Anita e le loro due figlie entrarono nella stanza, urlarono e corsero fuori di casa. In seguito avrei appreso che non era così scioccata dalla vista di un uomo semi-vestito sul tavolo della sua sala da pranzo come dal fatto che le avevamo usato solo il rossetto. Al mio ritorno in California ho confrontato le fotografie con le carte dei meridiani cinesi di agopuntura e ho scoperto che coincidevano esattamente.



Translate »