PRENOTA UNA CONSULENZA ACCADEMICA

2020 settembre 22 -Realizzazione personale

La Ruota della Medicina è un'esplorazione nella natura del tempo, dell'energia e del sé essenziale. La bellezza dello sciamanesimo è che è un'esperienza diretta del tuo dialogo personale con lo Spirito. Non vi è alcun intermediario e mentre esplori gli insegnamenti misteriosi in ogni direzione della ruota della medicina, impari a fidarti delle tue esperienze, della tua intuizione e della tua guida interiore, diventando auto-realizzato. Fidandoti di te stesso, diventi uno sciamano autoreferenziale che non fa affidamento sulle opinioni degli altri, sapendo che lo Spirito ti guida dove devi essere esattamente al momento giusto.

La ruota della medicina inizia nel sud, dove impariamo a camminare con bellezza sulla Terra. Il Sud è anche il luogo dove si va per confrontarsi e liberarsi del passato, proprio come il serpente il simbolo archetipico di questa direzione - cambia pelle.

In Occidente, chiamiamo l'archetipo di il giaguaro per aiutarci a trovare quelle cose che devono morire dentro di noi in modo che possiamo essere rivendicati dalla vita. Qui, si assume la posizione del guerriero spirituale che non ha nemici in questa vita o nella prossima.

Nel Nord, l'archetipo di il colibrì ci aiuta a imparare come connetterci alla nostra passione e bere solo dalle fonti più dolci, quelle che nutrono l'anima. È qui che impariamo a uscire dal tempo lineare, che ci lega a causa ed effetto, e ad entrare nel tempo sacro dove tutte le cose sono possibili.

L'Oriente è il percorso di l'aquila e il condor - il volo verso il Sole e il viaggio di ritorno a casa per esercitare visione e abilità nel contesto della propria vita e del proprio lavoro. In Oriente impariamo a sognare l'esistenza del nostro mondo.

Diventiamo sciamani autoreferenziali dopo aver svolto il lavoro delle direzioni Sud e Ovest. Nel sud ci lasciamo alle spalle storie che provengono da luoghi feriti e non sperimentiamo più la vita dai confini del nostro cervello rettiliano. In Occidente ci lasciamo alle spalle il nostro karma e il nostro lignaggio genetico e non siamo più prigionieri del nostro cervello limbico limitato. Come sciamani autoreferenziali, ci impegniamo con la vita a livelli mitici ed energetici usando la nostra neocorteccia e il cervello di Dio.

Come saggi e custodi della saggezza abbiamo smembrato il nostro ego, il concetto di "io". Ci permettiamo di essere visti perché non c'è differenza tra chi siamo e chi affermiamo di essere. Sappiamo di essere esseri spirituali che hanno un'esperienza umana piuttosto che esseri umani che cercano di avere un'esperienza spirituale. Accedere al tuo cervello divino ti consente di sperimentare la vita come un caleidoscopio di meravigliose opportunità e possibilità. Vedendoti come un agente di trasformazione, visualizzi destini personali e collettivi favorevoli. Adesso è il momento di dedicarti nuovamente ai destini che selezioni e risvegliare la tua natura luminosa.



Translate »