Chiamateci adesso
(877) 892-9247

or

Chiamateci adesso
(877) 892-9247

or
OTTIENI ALTRE INFO

Ottobre 2018 30 —La natura della realtà

Quando ho viaggiato in Perù per la prima volta, sono stato sopraffatto dalla povertà e dai mendicanti che si radunavano intorno a me per le strade. Ero così commosso dalla miseria che ho visto che avrei dato via tutto il cambiamento che avevo su di me, e a volte anche alcuni dei vestiti che indossavo. Poi un giorno un amico mi ha suggerito di donare a una delle tante organizzazioni benefiche di Cusco. Spiegò: "Quando non vedrai più le parti non guarite di te stesso in ognuno di questi bambini, non ti sentirai più obbligato a nutrire tutti i mendicanti e ti lasceranno in pace."

Ho fatto quello che mi ha suggerito. Ho fatto una generosa donazione (che era molto più di quanto potessi permettermi in quel momento) a un orfanotrofio cattolico, e ho iniziato a considerare la possibilità che tutti i bambini scalzi e con il naso che colava nella strada facessero parte di me. All'inizio avevo il cuore spezzato e sconvolto; ma col tempo qualcosa è cambiato. Non mi sentivo più costretto ad aiutare tutti quelli che vedevo e, in generale, i ragazzi di strada hanno iniziato a lasciarmi in pace. Il mio sogno è cambiato: mentre mi guardavo intorno, ho visto più della semplice povertà: ho notato la bellezza della terra e delle persone. Ma affinché questa realizzazione avvenisse, per prima cosa ho dovuto contribuire a un'organizzazione benefica. Dopotutto, quei ragazzi e ragazze vivevano ancora in una realtà in cui avevano poco da mangiare e dovevo rispondere a quello.

Un Earthkeeper si rende conto che mentre devi cambiare tutto all'interno, hai comunque una responsabilità verso gli altri e verso il pianeta. Il modo di modificare il sogno è possedere tutto ciò che percepisci è sbagliato nel mondo: il brutto, il violento, il bello e il potente. Percepisci ogni bambino affamato, criminale violento, celebrità ricche, fiume inquinato e isola tropicale proprio come se fossero un sogno e vedessi ogni personaggio, ambientazione e trama contorcersi.

Il mitologo Joseph Campbell una volta disse che ciò che chiamiamo realtà comprende solo quei miti e storie che non abbiamo ancora visto fino in fondo. Una volta fatto, capiamo che sono solo fiabe. Arriviamo a questa realizzazione vedendo attraverso gli occhi di colibrì. Questo è il motivo per cui ho trovato così facile essere un antropologo: potrei arrivare in un villaggio nella parte alta dell'Amazzonia ed essere l'unico a vedere che l'imperatore non ha vestiti (in alcuni dei villaggi che ho visitato, era letteralmente il caso).

Siamo in grado di vedere il sogno o l'incubo in cui gli altri sono intrappolati molto più facilmente del nostro. Comprendiamo rapidamente che il nostro amico sta creando la propria miseria, ma continuiamo a pensare che il nostro stesso dolore sia il risultato di una tragedia che ci ha colpito. Ma quando scopriamo che la realtà è davvero un sogno, possiamo svegliarci dall'incubo collettivo e ciò che prima era nascosto diventa ridicolmente evidente. Possiamo vedere, ad esempio, che non possiamo soddisfare i nostri bisogni spirituali acquistando un'auto più grande, che non possiamo riparare i nostri figli cambiandoli e che il progresso non è la cura per la povertà. Quindi vendiamo la grande macchina, cambiamo noi stessi e guardiamo i nostri figli cambiare, e comprendiamo come la povertà sia il risultato del progresso e della modernità.

.



Translate »