Chiamateci adesso
+877 (892) 9247

or

Chiamateci adesso
+877 (892) 9247

or
OTTIENI ALTRE INFO

2016 Dec 06 -Tossine e cervello-intestino

blog 06-12-16-4La ricerca mostra sempre più che la maggior parte delle malattie della vita moderna iniziano nell'intestino e sono correlate alla nostra dieta.

Il cervello intestinale è una superstrada con molte corsie in cui le informazioni scorrono continuamente tra il cervello nella testa e il cervello nella pancia. Lo stress mentale ed emotivo innesca risposte fisiche che colpiscono l'intestino, mentre i disturbi nel microbioma - la colonia di microrganismi nell'intestino - influenzano il funzionamento e la salute del cervello.

Ogni giorno, le tossine dentro e fuori il corpo danneggiano il nostro intestino. Vengono dai cibi che mangiamo, dall'acqua che beviamo e dall'aria che respiriamo. I nostri corpi contengono oltre 600 varietà di microbi che provengono dal mondo esterno, superando di dieci a uno le cellule che sono strettamente native per noi. Non c'è da stupirsi che così tanti di noi abbiano disturbi digestivi e immunitari: i nostri corpi sono sopraffatti dal carico tossico che abbiamo posto su di loro.

I nostri antenati erano ampiamente protetti da queste sfide. Per centinaia di migliaia di anni, la terra è stata in grado di accogliere i cambiamenti causati dall'intervento umano. Ciò è cambiato, tuttavia, quando abbiamo iniziato a estrarre prodotti naturali come piombo e mercurio e li abbiamo introdotti nelle nostre case - e corpi - attraverso prodotti di uso quotidiano come vernici, vasche da bagno, lampadine, tubi di piombo e otturazioni dentali, e più recentemente attraverso contaminati pesce e frutti di mare. Il mercurio è una neurotossina nota e sia il piombo che il mercurio sono stati implicati in problemi di sviluppo come difficoltà di apprendimento e ADHD. Metalli come piombo e mercurio sono immagazzinati nel grasso corporeo e quasi il 60 percento del cervello è costituito da grasso.

Nel secolo scorso abbiamo rilasciato migliaia e migliaia di sostanze chimiche artificiali nell'ambiente. I dati su come queste sostanze chimiche ci influenzano sono scarsi: delle 82,000 sostanze chimiche approvate per l'uso negli Stati Uniti, solo un quarto è stato testato per il loro effetto sull'uomo.

Il caos che abbiamo creato con sostanze chimiche artificiali si riverbera lungo tutta la catena alimentare. Ma può essere accompagnato da un'altra, ancora più insidiosa minaccia nei cibi che mangiamo ogni giorno. Gran parte del sovraccarico tossico nelle nostre viscere proviene da alimenti geneticamente modificati. Nella maggior parte dei casi, non ci rendiamo nemmeno conto che le tossine sono presenti nel menu. Gli scienziati stanno sempre più modificando il DNA degli alimenti e delle colture alimentari per creare prodotti che dureranno più a lungo, che siano più resistenti alle malattie e ai parassiti e che abbiano un aspetto e un sapore migliori.

Oltre all'ingegneria genetica, ci troviamo di fronte a nuove malattie causate dalla diffusa dipendenza da una dieta a base di cereali. Uno dei problemi è che il grano che stiamo mangiando non è lo stesso grano che la gente mangiava anche 75 anni fa. La rivoluzione verde del secondo dopoguerra introdusse un grano nano ad alto rendimento contenente 20 volte più glutine (una proteina che conferisce all'impasto la sua elasticità) rispetto ai vecchi ceppi europei, alterando così la composizione del pane che stiamo consumando. Il drammatico aumento della celiachia - un disordine autoimmune debilitante in cui l'ingestione di glutine danneggia l'intestino - è probabilmente correlato a questo importante cambiamento nella nostra dieta.

La dura verità è che siamo diventati tutti intolleranti al glutine in misura sorprendente perché il sistema digestivo umano non si è evoluto per funzionare bene con una dieta a base di cereali. I cereali sono diventati tossici per molti di noi e le nostre diete ricche di cereali stanno danneggiando il cervello intestinale.

Ma la tossina più letale che si trova in quasi tutte le cucine americane è lo zucchero. L'adulto americano tipico consuma 150 libbre di zucchero aggiunto all'anno. Gli alimenti trasformati sono fonti di gran parte di questa quantità. Anche i cibi che non consideriamo dolci - come il ketchup, il burro di arachidi e lo yogurt - spesso contengono zucchero o sostituti come l'aspartame, la saccarina, il sucralosio e lo sciroppo di mais ad alto fruttosio. I dolcificanti artificiali sono stati collegati al diabete di tipo 2.

Le voglie alimentari, in particolare per gli alimenti spazzatura zuccherati, possono essere ricondotte al cervello intestinale. Potresti pensare che ti stai ingozzando di torta al cioccolato o tortilla perché ami il gusto, ma la vera ragione è che il lievito, i funghi e i batteri cattivi nell'intestino prosperano sullo zucchero e, per ottenere la loro correzione, provocano voglie. Gli alimenti e i carboidrati zuccherati stimolano gli stessi centri del cervello che sono stimolati da droghe come l'eroina e la cocaina rilasciando il neurotrasmettitore dopamina, che innesca una risposta piacevole.

Lo zucchero in tutte le forme (tranne il miele) riduce i livelli di BDNF, fattore neurotrofico derivato dal cervello, un ormone che innesca la crescita di nuovi neuroni e cellule staminali nel cervello, riparando strutture cerebrali cruciali. Si pensa addirittura che la connessione tra diabete e Alzheimer sia attribuibile alla tipica dieta occidentale. La produzione inadeguata di BDNF è anche associata alla depressione.

Mentre è praticamente impossibile evitare le tossine ambientali, possiamo provare a evitare gli OGM acquistando il mercato del nostro agricoltore locale. Disintossicante dallo zucchero e dal glutine richiede il taglio di succhi di frutta, frutta ad alto contenuto di zucchero, ortaggi a radice e tutti i cereali trasformati. Se questo sembra inutilmente rigoroso, notare che il fabbisogno giornaliero minimo di carboidrati trasformati è zero.

Scopri di più su disintossicazione e alimentazione sana nel mio libro, One Spirit Medicine.

.



Translate »